Dal piatto alla professione: boom di assunzioni nel settore della ristorazione

Tra febbraio e aprile del 2024, periodo caratterizzato dalla riapertura delle imprese stagionali e dall’incremento dei flussi turistici in Italia, si prevede che le aziende del settore turistico abbiano bisogno di 246.270 lavoratori. In questo contesto, la ristorazione emerge come uno dei settori più dinamici, con una previsione di 172.440 nuove assunzioni. Il che rappresenta un aumento del 13% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Le prospettive positive sulle presenze turistiche per il mese di aprile 2024, basate sui dati di Unioncamere-Excelsior e comunicate dal Centro studi di FIPE-Confcommercio, indicano un possibile consolidamento dei numeri rispetto al 2023, quando si registrarono 28 milioni di presenze.

Nel settore della ristorazione, la domanda di personale è particolarmente elevata, con una richiesta di 40.390 addetti solo nel mese di febbraio. I camerieri rimangono le figure professionali più ricercate, con oltre 65.000 posizioni aperte nel trimestre. Seguiti dai cuochi con 41.720 assunzioni previste e dai baristi con più di 23.900 posti disponibili.

La maggioranza delle aziende (56,7%) cerca personale con esperienza specifica nel settore, preferibilmente tra i 25 e i 44 anni, evidenziando una tendenza verso la professionalità. Nonostante ciò, meno della metà delle aziende (49,2%) riporta ancora difficoltà nel reperimento di personale, principalmente a causa della scarsità di candidati. Tuttavia, questa difficoltà sembra essere leggermente diminuita rispetto al 2023, quando il 52% delle aziende lamentava problemi simili.

La prospettiva di oltre 172.000 nuove assunzioni nel settore della ristorazione tra febbraio e aprile rappresenta un segnale estremamente positivo per l’industria turistica italiana. Che sta gradualmente emergendo da un periodo di difficoltà causato dalla pandemia. Questo dato riflette non solo un’ottimistica prospettiva di ripresa economica, ma anche un rinnovato interesse nel turismo nazionale ed internazionale. L’incremento delle assunzioni nel settore della ristorazione indica una crescente fiducia delle imprese nel ritorno dei flussi turistici e nell’aumento della domanda di servizi legati all’ospitalità e alla ristorazione.

Fonte https://www.fipe.it/2024/02/23/ristorazione-tra-febbraio-e-aprile-previste-oltre-172mila-assunzioni/

Potrebbe interessarti: https://associazioneristoratoriromani.com/detassazione-per-lavoro-straordinario-nei-ristoranti-e-hotel/