Il decreto Salva Casa interviene sulla questione dei dehors, nati durante la pandemia da Covid-19 come soluzione temporanea per consentire ai locali di rispettare le norme di distanziamento. La norma incide su diversi aspetti, con conseguenze positive e criticità da considerare attentamente.

Permanenza e regole:

  • Aspetti positivi: la norma garantisce certezza giuridica ai proprietari di bar e ristoranti che hanno investito nell’installazione dei dehors, scongiurando la loro rimozione immediata. Inoltre, la possibilità di utilizzare strutture amovibili per scopi educativi, sanitari e culturali amplia il ventaglio di occasioni di fruizione degli spazi esterni.
  • Criticità: la permanenza indefinita dei dehors potrebbe creare disagi a pedoni e automobilisti, soprattutto se installati in modo invasivo su marciapiedi o parcheggi. Inoltre, la mancanza di specifiche linee guida a livello nazionale potrebbe generare disparità di trattamento tra i vari Comuni.

Poteri dei Comuni:

  • Aspetti positivi: il mantenimento della facoltà per i Comuni di richiedere la rimozione dei dehors consente di tutelare il decoro urbano e preservare gli spazi pubblici. Inoltre, permette di modulare la disciplina in base alle esigenze e alle caratteristiche di ogni territorio.
  • Criticità: l’assenza di criteri uniformi per l’esercizio del potere di rimozione potrebbe portare a decisioni arbitrarie da parte delle amministrazioni locali, creando incertezza per gli operatori economici. Inoltre, il rischio di strumentalizzazione del potere da parte dei Comuni non può essere escluso.

Dialogo e regole condivise:

  • Necessità di confronto: la regolarizzazione dei dehors richiede un dialogo costruttivo tra Comuni, cittadini e operatori economici per individuare soluzioni che concilino le diverse esigenze.
  • Regole chiare e condivise: è fondamentale definire linee guida nazionali chiare e condivise per l’installazione, la gestione e le caratteristiche dei dehors. Garantendo così trasparenza, equità e tutela del decoro urbano.

Il decreto Salva Casa rappresenta un primo passo verso la regolarizzazione dei dehors. Ma è necessario un impegno congiunto da parte di tutti gli attori coinvolti per garantirne un utilizzo equilibrato e sostenibile, a beneficio di cittadini, imprese e comunità. La chiave risiede nel trovare un equilibrio tra la tutela delle attività economiche e la salvaguardia degli spazi pubblici. Attraverso un dialogo aperto e la definizione di regole chiare e condivise. Solo così i dehors potranno diventare una risorsa preziosa per la valorizzazione dei territori e la promozione di una fruizione dinamica e vivibile degli spazi urbani.

Potrebbe interessarti: https://associazioneristoratoriromani.com/prospettive-luminose-per-la-ristorazione-italiana-nel-2024/